martedì 23 novembre 2021

Tino Tracanna e Francesco Saiu al TrentinoInJazz!

 Giovedì 25 novembre a Trento il pregevole duo in un progetto dedicato al gigante del jazz Thelonious Monk. Giovedì 2 dicembre Stefano Colpi Open Atrio



giovedì 18 novembre 2021

Majacosajusta: l'ethno-prog degli Araputo Zen!

 NoWords pubblica il secondo album del travolgente quintetto napoletano. Dal rock-jazz alle magie acustiche, il Naples Power trionfa in un lavoro brillante e appassionato


ARAPUTO ZEN
Majacosajusta
[SoundFly/No Words | distr. Self]




NoWords Records è lieta di pubblicare Majacosajusta, il nuovo album degli Araputo Zen. È un gradito ritorno per il quintetto napoletano, che aveva debuttato nel 2016 con Hydrontum e che con questo secondo lavoro esplora nuove sonorità. Un'idea avvincente di etno-progressive, che prende a piene mani dal jazz, dalla world music, dal rock, con generosità anche nella memoria delle proprie radici partneopee.  

Gli Araputo Zen sono nati fra le strade di Napoli, città ricca di stimoli e come sempre fonte di grandi ispirazioni. Dal movimento Naples Power, dal jazz, dal classic rock e dalla fusion, dalla ricerca di confronti e di crescita musicale, il quintetto ha tratto una formula fresca, suonata con entusiasmo e padronanza strumentale. Energia, grinta, creatività sono gli elementi chiave che hanno determinato lo sviluppo del quintetto da Hydrontum a MajacosajustaDario De Luca e Valerio Middione alle chitarre, Alfredo Pumilia al violino, Bruno Belardi al contrabbasso e Pasquale Benincasa alla batteria, percussioni e vibrafono, sprigionano un’irresistibile miscela all'insegna del crossover





Tra mood acustico e suoni elettrici, gli Araputo Zen sfruttano egregiamente l'ampia tavolozza strumentale, dal mandolino al violino: spaziano dalla milonga rivisitata in Makipegua alla danza etnica di Vefio, dalla rilettura degli elementi progressive di Algheritmi all'ispirazione etnica di (In)Sanità, tra Masada e Zorn. Melodia, rabbia e solarità si inseguono durante l'album; l'approccio onnivoro, la ricerca incessante, la varietà delle influenze e il pizzico di magia tutta partenopea rendono Majacosajusta un lavoro imperdibile per gli amanti del prog "diverso" ed eterodosso, del rock-jazz, della fusion mediterranea

DARIO DE LUCA: chitarra elettrica, mandolino, voce 
ALFREDO PUMILIA: violino 
VALERIO MIDDIONE: chitarra acustica 
PASQUALE BENINCASA: batteria, percussioni, vibrafono 
BRUNO BELARDI: contrabbasso 

Majacusajusta tracklist: 

1 Drummond nel vento  
2 Makipegua  
3 Venerdì mattina  
4 Vefio  
5 Algheritmi  
6 (In)Sanità  
7 Majacosajusta



venerdì 12 novembre 2021

Sonata Islands al TrentinoInJazz: Songs from the Alps!

 Giovedì 18 novembre a Trento il gruppo di Emilio Galante interpreta in chiave jazz strumentale i canti alpini insieme a Alessandro Bianchini, Giulio Corini e Nelide Bandello. Giovedì 25 Tracanna e Saiu in Monk Duet    


Giovedì 18 novembre 2021
ore 21.30
Bimane 
Circolo Tennis di Piazza Venezia,
Trento

SONATA ISLANDS: SONGS FROM THE ALPS

Emilio Galante: flauto 
Alessandro Bianchini: vibrafono 
Giulio Corini: contrabbasso 
Nelide Bandello: batteria

info e prenotazioni a 3473025085 intento.snc@gmail.com




Prosegue la sezione Jazz Club del TrentinoInJazz 2021 con un nuovo appuntamento a Trento, al Bimane (ex Il Circolino): Sonata Islands nel progetto Songs From The Alps. La nuova iniziativa dei Sonata Islands capitanati da Emilio Galante è dedicata all'elaborazione jazzistica di canti di montagna, vero patrimonio melodico del Trentino, che funziona nell'immaginario dell'ascolto come gli standards. 

Per i musicisti nord-americani gli standards sono le canzoni dei musical, fatte di materiale melodico che risiede inconsciamente nella memoria uditiva di ogni nativo - perché passato ininterrottamente per decenni sulle reti dei media. Su queste melodie generazioni di jazzisti hanno costruito le loro elaborazioni e le loro improvvisazioni. Il patrimonio melodico di un nativo italiano è ovviamente diverso da quello di un americano - è fatto di arie del melodramma, canzoni della tradizione popolare e almeno nel nord di canti di montagna.
Da qui nasce l’idea dell’ensemble di costruire un repertorio di tipo jazzistico su queste melodie.
In programma classici come La Montanara, La Pastora, Signore delle Cime, La Madonina, o originali come Sudtiroler Rundgungen del musicista svizzero Matthias Schriefl. 

Prossimo appuntamento TIJ: 25 novembre, Trento, Tino Tracanna & Francesco Saiu in Monk Duet

Calendario concerti:  

Sito:
http://www.trentinojazz.com            

Facebook:

Ufficio stampa:
http://www.synpress44.com                 
info@synpress44.com
Tel. 349.4352719 – 328.8665671