lunedì 3 febbraio 2020

Stato di grazia: il ritorno dei BISCA!

SoundFly pubblica il dodicesimo album della storica band napoletana: potenza di fuoco, sonorità non convenzionali e temi critici. Disponibile in digitale, vinile e cd, con 'Cildren Ov Babilon' comparsa nella colonna sonora dell'Immortale 
Stato di grazia: il ritorno dei Bisca!

BISCA
STATO DI GRAZIA
(SoundFly 2020 - distr. Self)
12 tracce | 58.25 minuti

Stato di grazia su Spotify:




"Io le allevo le mie parole ribelli. Così come ho imparato a coltivare la mia rabbia, a prenderla in consegna, a gustarla come si gusta una ciliegia, come fosse una cicogna con in bocca un bimbo grande. È odio. Io amo odiare. Odio il capitale e le sue puttane macho armate fino ai denti cariati, marci, che lo zucchero abbonda sul sorriso degli stolti. Il mio è odio di qualità. Come olio biologico d’oliva spremuto a freddo in un frantoio di pietra ruvida. Con la potenza della roccia. Una cosa Rock, potremmo dire. Allora. Inaudita. La mia musica lo è. Inaudita. La nostra musica lo fa. E non siamo in troppi. Ahimè. Di questi tempi".
Non possono che essere i Bisca. Inauditi, potenti, una forza della natura, come la loro musica a quarant'anni dal debutto in una Napoli che salutava l'esperienza del Naples Power e si affacciava alle dirompenti novità no wave, interpretate dai Bisca con furia e intelligenza tra funk, jazz, punk e improvvisazione libera. La stessa dinamitarda formula del 2020: l'anno del ritorno con il nuovo album Stato di grazia. Lo pubblica SoundFly in versione 33 giri (doppio vinile rosso, gatefold verticale con foto di Riccardo Piccirillo) e cd, dopo il singolo Nero e le uscite solo digitali dei lati A e B.



"Lo Stato di grazia cui allude il titolo è una condizione eccezionale di estrema armonia e facilità. Quando tutto ti viene bene e senza sforzo. Come il ritmo geometrico di un alieno che spacciato balla e suona anche dentro una tempesta, ostinato e senza intoppo". Sono le parole di Sergio "Serio" Maglietta, che insieme a Elio "100 gr." Manzo e uno stuolo di nuovi musicisti (Salvatore Rainone, Michele Iaccarino, Mauro Romano, Ciro Riccardi e Fulvio di Nocera) presenta questo dodicesimo album sottolineando con vigore lo spirito iconoclasta e non convenzionale della bandStato di grazia arriva a dieci anni di distanza dal singolo Tartaglia e il Cavaliere fellone e dal disco Evoluzioni, a tre anni dalla scomparsa del fondatore Giancarlo Coretti. Degna di nota la nuova collaborazione con la Soundfly di Bruno Savino, che dopo il recente lavoro per Flo, Marcello Giannini, Romito, Fabiana Martone e il recente album delle Ebbanesis, si conferma un eccezionale laboratorio musicale.

Il sound travolgente del singolo apripista Nero marchia a fuoco l'intero album, che contiene anche brani storici (ad esempio Sottattacco dell'idiozia e Lo sperma del diavolo) riletti dalla nuova formazione, corrosiva e compatta come non mai. Tra i pezzi compare anche Cildren Ov Babilon (bonus track su cd e 33 giri), che è stato inserito nella colonna sonora del film L'immortale, lo spin-off di Gomorra - La serie diretto e interpretato da Marco D'Amore: è un brano risalente a Guai a chi ci tocca, l'album del 1994 del supergruppo Bisca 99 Posse, la cui rivisitazione fa risaltare l'intensità e l'impatto del gruppo. 



A marzo, con un concerto allo Scugnizzo Liberato di Napoli, partirà il nuovo tour. Confermate le seguenti date per ora: 14 febbraio Guyot (Napoli); 15 febbraio Manhattan (Vitulazio); 29 febbraio Casa del Popolo Spartaco (Santa Maria Capua Vetere). 


Bisca:

Soundfly:



Bruno Pitruzzella in concerto a Palermo

Domenica 9 febbraio al Camus il chitarrista/istruttore subacqueo presenta dal vivo il disco 'Spawning', in apertura il violino solo di Francesco Incandela. Uscito anche il video 'Deep Drops' girato nelle acque di Ustica 
Bruno Pitruzzella in concerto a Palermo

Domenica 9 Febbraio 2020 
ore 21.00
Camus
via Patania 16 
Palermo

BRUNO PITRUZZELLA IN CONCERTO

opening act: Francesco Incandela violino solo

Ingresso libero, posti a sedere limitati, prenotazione consigliata



Domenica 9 febbraio 2020 al Camus - Via Patania 16, Palermo - Bruno Pitruzzella presenta dal vivo in concerto il suo ultimo album Spawning (Almendra Music). Il nuovo disco del chitarrista palermitano nasce dall'esigenza di un percorso in proprio, ma anche da riflessioni e meditazioni su tutto ciò che circonda la musica, a partire dalla sua attività di istruttore subacqueo. In apertura il violino solo di Francesco Incandela

Palermitano classe 1987, diplomato nel 2011 al Conservatorio Bellini della sua città, allievo di Antonello Ghidoni e soprattutto Marco Cappelli, Bruno Pitruzzella ha approfondito la pratica del jazz e dell'improvvisazione con Francesco Guaiana e ha suonato con tanti musicisti come Mimmo Cafiero, Umberto Fiorentino, Fabio Zeppetella, Antonio Forcione, Lelio Giannetto, l’Orchestra Instabile Disaccordo di Palermo. Attento sia alla composizione che all’improvvisazione, Bruno "scrive" la propria musica, che è quasi sempre strumentale, un mix di post rock, jazz, punk e improvvisazione. E' membro storico di Forsqueak, Utveggi e Aps, tre straordinarie band della scuderia Almendra Music.



Spawning (11 brani per chitarra classica, acustica, elettrica e 12 corde) è un album chitarristicamente assai variegato che, come dichiara Bruno, "riflette esattamente la tendenza a cambiare chitarra 3 o 4 volte nell’arco di mezz’ora e a suonare quasi sempre soltanto quello che suggerisce il momento”. e' da poco uscito anche il nuovo video di Deep Drops, uno dei brani più rappresentativi di Spawning, con immagini subacquee girate dallo stesso chitarrista nell'Area Marina Protetta dell'isola di UsticaDeep Drops apre il disco ed è un'improvvisazione con chitarra elettrica e delay, che però ha avuto una post produzione "creativa". 

Deep Drops: 

Bruno Pitruzzella: 

Almendra Music: 

lunedì 27 gennaio 2020

Lightness: cinque canzoni per il primo album di Gab Ryal

Il giovane cantautore partenopeo debutta con un EP delicato e sognante: indie-folk in inglese per voce e chitarra acustica, con influenze che vanno dal pop al rap 
Lightness: cinque canzoni per il primo album di Gab Ryal

GAB RYAL
Lightness
(5 tracce | 20 minuti)




"Un giorno mi svegliai e decisi di volere una chitarra acustica. Sentivo che avevo lasciato in sospeso qualcosa. Io scrivo la mia vita, in ogni parola ed in ogni rima c’è un pezzo di me. Ed ho ancora tanto da scrivere".
Ha qualcosa di importante da dire, Gab Ryal: lo affida a parole e musica, alla sua chitarra acustica, alle sue canzoni scritte in inglese, a cinque brani che compongono Lightness, il suo EP d'esordio, disponibile su Spotify, iTunes etc. 

Musicista autodidatta, cresciuto in una band come chitarrista ritmico e seconda voce, Gabriele Carannante si è formato sul palco tra concerti e contest, maturando in seguito una nuova visione del fare musica. Nel 2015 diventa Gab Ryal: sciolta la band, prosegue da solo, con voce, chitarra acustica e qualcosa di nuovo da comunicare al pubblico. "Prima facevo alternative metal, mentre ora faccio canzoni che girano tra il folk/hip hop/soul/indie, ma tutto in chiave pop. La scelta può essere strana, ma mi ritrovo a scrivere più nelle melodie in inglese che in italiano. Sarà che ho sempre ascoltato musica inglese o quanto meno internazionale. Poi se vuoi riempire gli stadi e i grandi palchi del mondo (e non solo in Italia) c’è una sola lingua che riesce a farlo ed è l’inglese".



Rimessosi nuovamente a studiare, Gabriele lavora a un primo blocco di brani a partire dalla primavera del 2019: sono i pezzi che compongono Lightness, figlio di nuove amicizie come quella con Angelo Bibita, che ha prodotto questo EP. Un  disco che mette in evidenza il talento del giovane artista, che non nasconde i suoi ascolti e le sue influenze: "Con il nuovo decennio è arrivato tra i miei ascolti Ed Sheeran, poi ho allargato l’area incontrando il suono di Shawn Mendes, Tom Walker, Damien Rice, James Arthur e molti altri. Ma non mi fermo, ascolto da piccolo anche rap e hip hop come ad esempio 2pac, Eminem, 50 cent. Vario anche sull’elettronica come Billie Eilish e Anne Marie". 

Lightness è una sorta di piccolo diario intimo, cinque brani costruiti su rivelazioni, sogni, speranze: "Racconto la mia vita di  ventiseienne. Voglio far capire alle persone che niente è impossibile. C’è una frase di un tizio che mi è rimasta impressa e grazie a lei mi sono risvegliato: Nessuno al di fuori di te, può crederci più di te”.



Gab Ryal Facebook: 

Gab Ryal YouTube:

Gab Ryal Spotify: